Hockey Sarzana

PAZZA CARISPEZIA BUTTA VIA UN VANTAGGIO DI QUATTRO RETI.

Tripletta di Sergio Festa, gol di Xavi Rubio, ma non basta per battere il Thiene che rimonta. Incredibile ma vero Carispezia Sarzana si porta avanti di 4 gol ma poi si spegne la luce ed il Thiene, passo dopo passo, riagguanta i rossoneri costringendoli ad un pareggio senz’altro amaro. (nella foto di Massimo Pasquali Davide Borsi, Sergio Festa e Simone Corona nella partita di Thiene).


CARISPEZIA HOCKEY SARZANA – HOCKEY THIENE 4 – 4  (0 – 0)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Bianchi), Rispogliati, De Rinaldis, Rubio (1), Deinite, Dolce, Festa (3), Borsi, Zeriali. Allenatore: Francesco Dolce.

HOCKEY THIENE: Pertegato (Dalla Vecchia), Luotti, Sperotto, Piroli (1), Retis (2), Casarotto (1), Ardit, Lloren, Tumelero. Allenatore: Giorgio Casarotto.

Arbitri: Sig. Silecchia (BA), Sig. Mauro (SA) ausiliario Sig. Righetti (SP)

Non mi era mai capitato nella mia vita “hockeistica” una partita  come questa sera, in vantaggio di quattro reti a metà secondo tempo, con la partita in mano, subire il ritorno del Thiene culminato con il pareggio grazie ad una colossale ingenuità a venti secondi dalla fine sono le prime parole del Presidente Corona al termine della gara che poi entra nello specifico di quanto accaduto Abbiamo peccato di presunzione e questo il Sarzana non può permetterselo, bravissimo il Thiene che non ha rubato nulla, noi dobbiamo giocare da Sarzana e non lo abbiamo fatto, comunque non eravamo dei mostri la scorsa stagione e non siamo diventati brocchi quest’anno – continua il Presidente Maurizio Corona che come un fiume in piena diceSiamo una squadra che centimetro dopo centimetro deve arrivare a conquistare la salvezza e se qualcuno ha pensato che dovevamo alzare l’asticella si sbaglia e fa il provocatore. Non ci sono colpevoli questa sera, ne c’erano santi ed eroi la scorsa stagione, noi siamo i soliti con la voglia di stupire ancora e c’è il nostro pubblico che nel bene e nel male deve essere il sesto uomo in pista; sono stanco di ripetermi nel proclamare che  questa squadra  è stata costruita unicamente per cercare di conquistare  la salvezza. Gli avversari nella lottano per non retrocedere – spiega il Presidente – hanno tutte squadre ben attrezzate, con fior di campioni e quelle che a fine stagione dovranno giocoforza lasciare la massima serie saranno squadre   potenzialmente molto forti. Abbiamo comunque incontrato un’ottima squadra – conclude Corona – che se pur neopromossa, ha giocato un ottima gara e ha meritato il pareggio, voglio fare i complimenti a Giorgio Casarotto, che nonostante il passivo di quattro a zero è stato bravissimo a far riprendere fiducia alla squadra e a condurre i suoi al pareggio. Ora però è inutile piangere – conclude Corona – guardiamo avanti basso profilo e al pezzo che abbiamo una salvezza da conquistare. Le prossima gara la giochiamo al Vecchio Mercato, contro il Breganze che non ci deve fare paura, noi giocheremo da Sarzana  e chiediamo aiuto al  pubblico  che dovrà essere tutt’uno con la squadra. Ora più che mai abbiamo bisogno della città e del sesto uomo”. Veniamo alla cronaca della partita: nell’ Hockey Thiene l’allenatore/giocatore Giorgio Casarotto schiera nello starting-five oltre a se stesso, Pertegato a difesa della porta, Retis, Lloren, e Piroli a disposizione in panchina Ardit, Sperotto, Tumelero, Luotti e il secondo portiere Dalla Vecchia. Dolce risponde con il quintetto base Corona, Rubio, De Rinaldis, Borsi, Festa. Sarzana regala un punto di Thiene facendosi rimontare dal vantaggio di 4 a 0 a 20” dalla fine. I rossoneri dilapidano il bottino che avevano messo da parte a inizio ripresa, ritenendo ormai fuorigioco un avversario che, a differenza loro, non ha mai mollato, credendo sempre di poter riacciuffare i padroni di casa. Gara “strana” il primo tempo è finito a reti inviolate con preponderante supremazia dei rossoneri che esplodono almeno 15 tiri pericolosi  e altrettante situazioni di allarme nell’area di Pertegato, e  l’estremo vicentino bravissimo a parare. Ci si è messa anche la sfortuna nei confronti dei rossoneri, perché prima la traversa e poi il palo respingono altrettante conclusioni di Borsi e Festa. Dall’ altra parte Corona deve rintuzzare i tentativi ospiti, il Thiene, gioca bene e dimostra di essere formazione di tutto rispetto. Le parate del portiere dei padroni di casa, quelle da segnalare come importanti sono 9. Ma insomma, come raramente capita nell’hockey a rotelle nei 25 minuti effettivi, i giocatori non sono riusciti a trovare la via del gol. Con i rossoneri che a 1’,15” dal termine sprecavano un rigore che Pertegato parava a Borsi.  Carispezia inizia la ripresa a pieno ritmo e dopo appena due minuti passa in vantaggio con Festa, abile a sfruttare un prezioso passaggio di Xavi Rubio. I rossoneri, sulle ali dell’entusiasmo per il vantaggio ottenuto, raddoppiano immediatamente ancora con Festa che, dopo aver saltato due avversari, insacca alle spalle di Pertegato. La formazione rossonera è un ciclone e al 31’ trova la terza rete, sugli sviluppi di un di rigore concesso per un fallo di Sperotto su Festa; Pertegato respinge la prima conclusione di Rubio, ma nulla può sulla successiva ribattuta. Passa un altro minuto ed il Sarzana cala il poker, ancora con Festa che realizza la sua tripletta personale con una bella volee. La gara sembra chiusa  e il Thiene sembra essere in affanno. Ma il vento cambia. La formazione Veneta non molla. Al 36’ punizione di prima a favore del Thiene per il decimo ballo rossonero; si incarica della trasformazione Retis, al quale Corona si oppone con bravura ma nulla può sulla successiva ribattuta del numero nove thienese. Trascorrono appena tre minuti e Piroli è abile ad accorciare ulteriormente le distanze, grazie a una bella combinazione di contropiede con Casarotto. Il Thiene sfrutta il momento negativo del Sarzana; e al 41’ Borsi perde palla  in un contrasto difensivo con Retis e lo fa involare tutto solo nella metà campo avversaria, per concludere in rete con precisione, lasciando senza scampo il portiere sarzanese; il risultato si porta sul 4-3. Il Thiene continua a premere e i Sarzanesi si mangiano letteralmente due goal fatti e come spesso accade in queste situazioni la beffa è dietro l’angolo. Carispezia nell’ultimo minuto, invece di mantenere il controllo, va ingenuamente alla ricerca del quinto goal. Sbilanciati i rossoneri si fanno prendere in contropiede e Casarotto infila Corona a 20” dal termine. Un autentica beffa. Prossimo appuntamento Sabato 21 Ottobre al Vecchio Mercato alle ore 20,45 contro il Faizanè Lanaro Breganze.

03/12/2022 - riproduzione riservata