Hockey Sarzana

NELLA PARTITA DEI RIMPIANTI IL CARISPEZIA BATTE IL PRATO E SI PIAZZA AL NONO POSTO.

Una vittoria che lascia parecchio amaro in bocca. Un volantino e uno striscione con scritto “SALVIAMO L’HOCKEY” la dice lunga sul clima che si respirava al “Polivalente”. I ragazzi di Cupisti, così come il Prato, hanno onorato l’ultima giornata di campionato disputando una gara grintosa, dove nessuna della due squadre voleva perdere. Una tripletta di Dolce, poi una doppietta ciascuno di Borsi e Fioravanti quindi Sterpini e Squeo hanno realizzato le marcature che hanno permesso al Carispezia Sarzana di chiudere la stagione con un trionfo. Il Presidente Corona dichiara “voglio ringraziare tutto il pubblico questa sera mi ha veramente commosso, il minuto finale è stato da pelle d’oca tutta la gente in piedi e un solo grido SARZANA che è continuato anche dopo il suono della sirena” (nella foto il pubblico e la Curva Milani ringraziano la squadra dopo il termine della gara)


CARISPEZIA HOCKEY SARZANA – ECOAMBIENTE ESTRA PRATO 9 – 6  (2 – 3)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: Corona (Garofalo), Pistelli, Squeo (1), Rossi, Sterpini (1), Sturla, Dolce (3) , Fioravanti (2), Borsi (2). Allenatore Alessandro Cupisti.

ECOAMBIENTE ESTRA PRATO : Roberti (Dal Zotto), Amato (1), Mannai, Bianchi, Rossi (2), Benelli, Malagoli (2), Saavedra (1), Zucchetti. Allenatore Enrico Bernardini.

Arbitri: Sig. Galoppi (GR) – Sig. Giombetti (RE) ausiliario Sig. Righetti (SP)

“Sono molto soddisfatto perché volevo chiudere la stagione con una vittoria, è quelllo che meritava il nostro pubblico –commenta il tecnico Alessandro Cupisti a fine partita – se non andiamo ai play off la colpa è solamente nostra, taglia corto il mister rossonero, e qui mi fermo” poi sorride e raggiunge gli ultras rossoneri che lo chiamano a gran voce sotto la curva. Il presidente del Carispezia si asciuga il viso dal pianto, dopo essere stato inneggiato a gran voce dai tifosi liguri e dihiara “Sono state fatte ripetere due gare: se non si fosse rigiocato quella di Sarzana-Trissino il Sarzana sarebbe andato ai play-off e stava fuori il Trissino, se non fosse stata fatta ripetere Giovinazzo-Trissino stava fuori il Giovinazzo e noi saremmo andati ai play-off. Oggi invece siamo qua a festeggiare il nono posto – sorride di rabbia il Presidente – i miei ragazzi non meritavano per quello che hanno fatto vedere per tutto il campionato un trattamento del genere poi tra il sarcastico e il faceto diceha ragione il mio mister la colpa è solamente nostra e continua dicendo al palio di Siena i cavalli che arrivano secondi li purgano, farò così anche con i miei ragazzi. Parlando della partita di questa sera continua “i miei ragazzi sono stati bravissimi , alla vigilia di questa gara gli avevo chiesto di raggiungere almeno il nono posto e hanno centrato l’obiettivo”. Poi il Presidente parla del pubblico “li vorrei ringraziare uno ad uno, sono stati fantastici, l’ultimo minuto mi ha emozionato, il loro “GRAZIE LO STESSO, GRAZIE RAGAZZI” era interminabile, tutti questi sacrifici, queste battaglie finchè avrò gente come loro al mio fianco sono certo che avrò la forza per non mollare mai. Poi il Presidente conclude dicendo “avrei voluto vedere l’Assessore e il Sindaco a salutare la squadra nell’ultima fatica della stagione, eravamo da sempre abituati così, peccato era un semplice gesto a cui teneva tutta la squadra e tutta la nostra dirigenza, invece la cosa che mi ha fatto enormemente piacere è stato lo stand allestito all’ingresso per la vendita delle maglie del gruppo “Sei di Sarzana se”, loro sono rimasti entusiasti di noi e noi di loro è stato un connubio bellissimo ”. Ma veniamo alla gara Enrico Bernardini schiera il suo starting-five titolare, capitanato da Amato insieme a Saavedra e alla coppia d’attacco Rossi e Malagoli con l’esperto Roberti alla difesa della porta schierato a sorpresa al posto di Dal Zotto, con a disposizione Mannai, Bianchi, Zucchetti e Benelli. Cupisti risponde con Corona tra i pali, Sterpini, Squeo, Borsi e Dolce. Per la cronaca partita subito in salita per la squadra rossonera, che al 5’, 26” si vede infilare dalla formazione laniera, con Francesco Rossi che mette in area una palla che batte sul pattino di Sterpini e si insacca alle spalle di Corona per il più classico degli autogol, passano 19” e il Carispezia pareggia quando Sterpini lascia partire una conclusione dalla distanza che batte Roberti. Il Sarzana inizia a macinare gioco ma nel momento di maggiore pressione della formazione rossonera, al 9’,27”, Squeo aggancia platealmente con la stecca Amato, cartellino blu per il capocannoniere rossonero e tiro di prima che Malagoli mette alle spalle di Corona. Occasioni da una parte e dall’altra con una palo colpito di Malagoli sino al 13’,58” quando Rossi serve un assist al bacio a capitan Amato che di prima intenzione gira in rete per il gol del 3 a 1 a favore della formazione di Bernardini. Al 20’,58” Borsi con un azione personale batte Roberti portando il parziale sul 3 a 2 a favore del Prato, punteggio con il quale le due squadre vanno al riposo. Nel secondo tempo, dopo 57 secondi Rossi commette fallo su Squeo, gli arbitri lo puniscono con il cartellino blu e tiro diretto a favore del Sarzana, Luca Sterpini si incarica della battuta ma Roberti lo strega e respinge la conclusione, la formazione toscana resiste al power-play e appena ristabilita la parità al 28’,56” Malagoli si invola in contropiede tutto solo davanti a Corona e lo batte con freddezza. Prato sul doppio vantaggio, Sarzana che spinge ma che porge i fianchi in contropiede al Prato che si trova in diverse occasioni a tu per tu davanti a Corona che è bravo a tenere i rossoneri in partita, poi in trenta secondi il Sarzana trova due reti con Dolce che riportano la partita in parità al 32’,00” l’attaccante rossonero gira in rete un assist di Sterpini e al 32’,32” è lesto a ribattere in rete una corta respinta di Roberti. Al 32’,59” Borsi reagisce ad un fallo di Mannai e viene punito con il cartellino blu e tiro libero a favore della squadra toscana, si incarica della battuta Malagoli il quale si fa incantare da Corona che para la conclusione, durante il power play la formazione toscana usufruisce anche di un tiro di rigore ma lo specialista Amato si fa stregare da Corona che respinge, ironia della sorte due secondi dopo il ripristino della parità numerica il Prato ritrova il vantaggio con Saavedra al termine di un azione manovrata di contropiede. Al 39’,05” sale in cattedra Leonardo Squeo che gira in rete di prima intenzione un assist di Borsi segnando il 44° gol personale di questa stagione, al 40’,08” il Sarzana passa per la prima volta in vantaggio, Borsi taglia tutta la difesa toscana poi serve un prezioso assist a Dolce che mette la sfera alle spalle di Dal Zotto, subentrato a Roberti. Non passa neppure un minuto che Rossi pareggia. Sale in cattedra il Sarzana trascinata da Davide Borsi, l’ariete rossonero al 42’,03” ruba palla a centro pista ad Amato e si presenta tutto solo davanti a Dal Zotto e lo fredda con un alza e schiaccia, trenta secondi dopo Simone Fioravanti riceve palla da Borsi, con una giravolta lascia di stucco Amato e batte Dal Zotto. Al 44’,36” apoteosi al Vecchio Mercato ancora un imprendibile Borsi che serve una palla in area a Fioravanti bravo di prima intenzione a battere Dal Zotto. Gli ultimi minuti sono una passerella per la squadra di casa che lascia anche qualche grattacapo a Corona che risponde da par suo. L’ultimo minuto con il Centro Polivalente tutto in piedi a decretare il giusto tributo alla squadra con un coro incessante “GRAZIE RAGAZZI GRAZIE LO STESSO.” La squadra di Cupisti chiude questa stagione con il record delle reti segnate della storia rossonera in serie A1, 150, quarto attacco alla pari del CGC Viareggio, forte delle 44 reti di Leonardo Squeo, delle 39 di Davide Borsi e delle 33 di Francesco Dolce. Stagione questa che entra negli annali e Carispezia che da domani inizia a programmare la prossima stagione che parte dalla riconferma di mastro Cupisti che ha regalato agli sportivi momenti di hockey di altissimo livello.

deltasone kalvikkalam.com propranolol 20mg
10/08/2022 - riproduzione riservata