Hockey Sarzana

LETTERA APERTA DEL CONSIGLIO DIRETTIVO ALL’ ASSESSORE ALLO SPORT MICHELUCCI.

Lettera aperta del Consiglio Direttivo dell’ Hockey Sarzana all’ Amministrazione Comunale di Sarzana in  risposta all’ Assessore allo Sport  Michelucci che nell’ articolo della Nazione del 27 Febbraio avrebbe asserito che l’ Hockey Sarzana dalle vecchie Amministrazioni avrebbe avuto un trattamento di favore. (nella foto due firmatari il Segretario Luciano Toffi e il Direttore Sportivo Gianni Soprano)


In risposta a quanto uscito sulla Nazione Il consiglio direttivo dell’Hockey Sarzana si unisce al grido d’aiuto del presidente Corona.

Abbiamo letto sui giornali che l’Amministrazione Comunale, al momento, non ha come priorità la costruzione di un pala-hockey. Intende infatti dedicarsi alla risoluzione di altri problemi, sicuramente importanti. A nostro avviso, però, la qualità della vita dei “nostri figli” deve essere messa al primo posto. Per questo pensiamo che sarebbe un segno di grande civiltà, da parte del Comune, realizzare una struttura idonea ad accogliere i numerosissimi atleti che praticano l’hockey. Si tratta di circa 200 persone che ogni giorno si dedicano a questo sport, costituendo un grande gruppo di aggregazione sociale.

La nostra situazione di precarietà al Vecchio Mercato ormai non fa più notizia, la lista dei disagi è troppo lunga. Siamo in una struttura non riscaldata e la presenza di due soli spogliatoi non ci permette di ospitare manifestazioni sportive per ragioni di spazio. Quando organizziamo tornei giovanili, i nostri ragazzi cedono lo spogliatoio agli ospiti e si cambiano in spazi di fortuna, nei corridoi, negli atri, costretti addirittura a tornare a casa per la doccia. È solo grazie alla buona volontà dei genitori e degli appassionati che riusciamo a utilizzare la struttura. Se qualcuno attacca un phon in più, per esempio, l’impianto elettrico va in tilt. Inoltre la quantità di acqua calda a nostra disposizione è limitata, così da una certa ora in poi le docce sono fredde. Eppure ogni giorno varcano la soglia del Vecchio Mercato decine e decine di bambini, soprattutto delle scuole materne ed elementari. Per non parlare dell’umiliazione nel cercare giustificazioni con le squadre ospiti che continuamente ci chiedono notizie sul nuovo palazzetto, giudicando, non a torto, l’attuale struttura inadeguata agli ottimi risultati della nostra società. Da 13 anni persiste questa situazione, ormai del tutto insostenibile.

In questi anni il nostro settore giovanile ha vinto ben 8 Coppe Italia, 2 scudetti e 2 trofei delle regioni, restituendo un’immagine positiva della città di Sarzana. Unica società esistente in questa regione, rappresentiamo inoltre da soli la Regione Liguria. Quando giochiamo in trasferta, su e giù per l’Italia, ci piace far conoscere il nostro territorio donando libri sulla cultura sarzanese e prodotti tipici locali, o informando sugli eventi importanti della città, come il Festival della Mente, Antiquariato, etc. La nostra prima squadra vanta un grandissimo numero di sostenitori.

Alla partenza per le finali di Coppa Italia, kermesse importantissima a livello nazionale con una notevole copertura televisiva da parte di RAI SPORT, siamo rimasti amareggiati per l’indifferenza riscontrata da parte dell’Amministrazione Comunale. I nostri ragazzi hanno rappresentato Sarzana, e riteniamo che avrebbero dovuto avere il giusto supporto e l’attenzione che meritavano. Siamo stati invitati alla più importante trasmissione televisiva sportiva di La Spezia (Spezia Sport), ma nella nostra città possiamo contare solo sul tifo e l’affetto dei nostri appassionati sostenitori. Sono lontani i tempi in cui il Sindaco Caleo partecipava attivamente alla vita della squadra. Un incoraggiamento durante l’allenamento o una cena insieme erano gesti piccoli che però facevano sentire la vicinanza dell’amministrazione.

Gli sforzi che facciamo quotidianamente sono enormi, soprattutto per reperire risorse economiche in un momento di grave crisi. L’estate scorsa, per esempio, per poter partecipare al campionato di A1 abbiamo organizzato una festa i cui proventi sono stati destinati alle tasse di iscrizione. Il Sarzana, come è noto, è infatti in Serie A1, cosa che richiede spese importanti, a partire dall’elevata cifra per l’acquisto dell’indispensabile materiale tecnico, fino ai costi delle trasferte, della manutenzione dell’impianto, del compenso degli arbitri e delle iscrizioni alla Lega Hockey e alla Federazione. Per far fronte a ciò possiamo contare solo sugli sponsor e sul volontariato dei nostri appassionati. È poi soprattutto grazie all’impegno dei giocatori, alcuni del nostro vivaio e altri provenienti da fuori, che ormai da cinque anni riusciamo a giocare il campionato della massima serie. Andare avanti è sempre più difficile, ma l’auspicio è che la nostra passione per questo sport possa trovare le sinergie necessarie ad evitare che tale passione venga trasferita al di fuori della nostra amata città.

Il Consiglio Direttivo nelle persone di

Luciano Toffi

Andrea Palagi

Bernardo Vincenti

Gianni Soprano

Isabella Lombardi

Stefano Colombani

Riccardo Baruzzo

cipro pill ciprofloxacin pill dutasteride
cipro 1000mg read clomid 50mg
10/08/2022 - riproduzione riservata