Hockey Sarzana

GAMMA INNOVATION, VITTORIA PER IL DECOLLO, BATTUTO IL SANDRIGO .

La Gamma Innovation Sarzana fa un deciso salto in classifica: come il Forte, una gara in meno ma a punteggio pieno, grazie alla seconda vittoria davanti ai propri tifosi. 4-2 contro il Telea Medical Sandrigo che ha cercato di rientrare in gara nella ripresa, dopo esser andata sotto sul 3-0 nella prima metà di gara. Due reti di Sergio Festa e la rete di Jeronimo Garcia fanno volare i rossoneri ma Brendolin e Miguelez, a cavallo dei due tempi, riaprono la gara. A 13 dalla fine l’argentino Olmos firma il 4-2 che porta la seconda vittoria consecutiva, in attesa dell’anticipo mercoledì prossimo contro il Grosseto che può valere già la prima posizione solitaria. Pubblico delle grandi occasioni, curve spettacolari, da una parte gli Incessanti e dell’altra le Brigate Steccafisso sono un inno all’ hockey pista. “Complimenti a tutta la squadra – dice il Presidente – sono orgoglioso dei miei ragazzi, hanno dato tutto quello che avevano: di testa, gambe e cuore. La  vittoria è tutta loro e di mister Paolo De Rinaldis anche grazie al lavoro che tutti i giorni stanno facendo, dal primo all’ultimo.” (nella foto “la squadra” a fine gara festeggia assieme agli Incessanti).


GAMMA INNOVATION H.SARZANA – TELEA MEDICAL SANDRIGO H. = 4-2 (3-1, 1-1)

GAMMA INNOVATION H.SARZANA: Corona, Illuzzi, Borsi (C), Ortiz, Garcia J – Olmos, Festa, Tognacca, Angeletti, Venè – All. De Rinaldis P

TELEA MEDICAL SANDRIGO H.: Bridge, Miguelez, Ghirardello, Ardit, Brendolin – Moyano, Poletto (C), Canesso, Lazzarotto, Cocco C – All. Mendo

Marcatori: 1t: 0’56” Garcia J (SAR), 10’03” Festa (SAR), 12’08” Festa (tir.dir) (SAR), 14’38” Brendolin (SAN), – 2t: 3’36” Miguelez (SAN), 11’19” Olmos (SAR)

Espulsioni: 1t: 7’50” Ghirardello (2′) (SAN), 12’08” Miguelez (2′) (SAN), 21’52” Illuzzi (2′) (SAR)

Arbitri: Massimiliano Carmazzi di Viareggio (LU) e Massimo Nucifero di Viareggio (LU)

 

La Gamma Innovation Sarzana fa un deciso salto in classifica: come il Forte, una gara in meno ma a punteggio pieno, grazie alla seconda vittoria davanti ai propri tifosi, 4-2 contro il Telea Medical Sandrigo che ha cercato di rientrare in gara nella ripresa, dopo esser andata sotto sul 3-0 nella prima metà di gara. Due reti di Sergio Festa e la rete di Jeronimo Garcia fanno volare i rossoneri ma Brendolin e Miguelez, a cavallo dei due tempi, riaprono la gara. A 13 dalla fine l’argentino Olmos firma il 4-2 che porta la seconda vittoria consecutiva, in attesa dell’anticipo mercoledì prossimo contro il Grosseto che può valere già la prima posizione solitaria.  Una vittoria straordinaria fortemente voluta dalla formazione rossonera contro una squadra che negli ultimi anni ha sempre regalato grattacapi e dispiaceri ai sarzanesi. Il Presidente Corona a fine partita fa i complimenti alla squadra “abbiamo assistito ad una partita vibrante ed emozionante. Siamo partiti andando avanti 3 a 0, ma Sandrigo non ha mai mollato un centimetro anche perchè la formazione veneta sfoggia un roster con tantissima qualità, abbiamo chiuso in doppio vantaggio il primo tempo, poi loro si sono portati a meno uno e la partita è stata un vortice di emozioni.   A metà secondo tempo il nostro brek vincente. Comunque una vittoria strameritata, conquistata col cuore e senza perdere la testa con un finale di gara straripante. Complimenti a tutta la squadra – continua il Presidente – sono orgoglioso dei miei ragazzi, hanno dato tutto quello che avevano: di testa, gambe e cuore. La  vittoria è tutta loro e di mister Paolo De Rinaldis, anche grazie al lavoro che tutti i giorni stanno facendo, dal primo all’ultimo. Per ciò che concerne la classifica noi non guardiamo da nessuna parte, dobbiamo rimanere con i piedi ben saldi a terra dobbiamo lavorare sodo tutti i giorni, per dare il nostro meglio. I ragazzi devono innanzitutto divertirsi e tenere il profilo basso solo in questo modo si riesce a giocare bene ottenendo i risultati. Volevo ringraziare il pubblico di Sarzana, numerosissimo  – conclude il Presidente – che anche questa sera è stato il sesto uomo in pista e poi gli Incessanti che in curva “Milani” non hanno mai smesso di cantare, sono stati anche loro gli artefici di questo successo, sono rimasti al nostro fianco per tutta la gara e ci hanno condotto per mano alla vittoria Ma veniamo alla gara, l’allenatore Davide Mendo  schiera il suo starting-five titolare, con l’esperto Ghirardello assieme al catalano “Chino” Miguelez  sulla linea difensiva in attacco Ardit e il “bomber” per eccellenza Andrea Brendolin con l’argentino  Matias Bridge a difesa della porta, con a disposizione capitan Poletto, Canesso, Lazzarotto, Moyano e il secondo portiere Cocco. De Rinaldis risponde con Corona tra i pali, Borsi, Jeronimo Garcia, Facundo Ortiz e Illuzzi. Veniamo alla cronaca Sarzana più forte di tutto e di tutte. Ancora una vittoria, e sempre per 4-2. Stavolta a cadere sotto i colpi dei rossoneri è un indomito Sandrigo, capace di tenere in piedi un match partendo dallo 0-3, e in grado anche di sfiorare il pareggio, prima di cedere sotto i colpi dell’invincibile armata rossonera, la quale in questo primo scorso di stagione ha all’attivo 4 vittorie (due in campionato e altrettante in Champions), più una sola sconfitta nella terza e non decisiva gara del girone europeo contro l’Igualada, su quella difficilissima pista catalana. Il Palahockey è caldissimo, pubblico delle grande occasioni, curve spettacolari, da una parte gli Incessanti e dell’altra le Brigate Steccafisso sono un inno all’ hockey pista . Il popolo degli appassionati della disciplina, attende l’intitolazione ufficiale al pioniere della disciplina, il grande Giuliano Tori, ideatore, realizzatore e progettista della prima pista cittadina, e palpita per questa squadra dai diversi volti, nell’arco di questi 50 minuti effettivi. Prima fase del primo tempo di valore assoluto per i rossoneri che giocano in velocità, danno spettacolo e rendono molto difficili le cose per gli ospiti. Sandrigo fa molta fatica a reagire alle iniziative dei ragazzi di Paolo De Rinaldis che ci mettono soltanto 56 secondi per passare in vantaggio al termine di un  “coast to coast” firmato da Jeronimo Garcia che parte dalla sinistra, converge verso destra e a tu per tu con Bridge lo batte di giustezza. La risposta del Sandrigo è sulla stecca di Brendolin che centra in pieno un attentissimo Corona da posizione defilata. Al 6’,33” ancora Garcia scatenato, semina lo scompiglio nell’area avversaria e Brendolin lo atterra con l’arbitro Carmazzi che concede il tiro di rigore. Si occupa della battuta Borsi ma Bridge si esalta e respinge. Al 7’,50” Ghirardello finisce sotto le forche caudine arbitrarie per un intervento su Ortiz. Si occupa della battuta del tiro diretto Garcia ma la sua conclusione finisce a lato della porta difesa da Bridge. Nel power play susseguente un super Bridge tiene inviolata la sua porta. Al  10’,03” Sergio Festa tira fuori dal cilindro una conclusione al fulmicotone dal centro pista che si insacca alle spalle di Bridge. Al 12’,08” Miguelez atterra Festa lanciato a rete, cartellino blu e tiro di prima a favore dei rossoneri, si occupa della battuta Festa che con un alza e schiaccia batte Bridge. Per il Sandrigo sembra notte fonda ma da qui in avanti comincia la partita dei biancoazzurri, perché è il Sarzana  a spegnere la luce: prima Corona deve compiere gli straordinari su Ghirardello ma il Sandrigo accorcia al 14’,38” sullo scambio tra Moyano e Brendolin, con quest’ultimo che da dentro l’area mette la sfera di giustezza alla destra di Corona. Poi Corona sale in cattedra e si esalta  al 21’,13” parando  il tiro diretto del decimo fallo a Brendolin e dopo 30” parando il diretto all’ex Moyano concesso per un cartellino blu comminato a Illuzzi dall’arbitro Carmazzi. Ultima clamorosa chance della prima frazione capita ad Ardit nel power play susseguente, ma Corona è super e salva nuovamente i suoi.  Il momento di sbandamento non è così esiguo, nella seconda parte di gara partono forte gli ospiti e al 3’,14” conquistano un tiro di rigore per un fallo di Illuzzi su Miguelez, si incarica della battuta Moyano ma Corona para e poi si esalta sulla ribattuta dell’ex rossonero sulla ripartenza Bridge compie una prodezza su Garcia. Poi il Sandrigo con un contropiede da manuale al 3’,36”  trova il goal del 3 a 2  con  Ghirardello che serve Chino Miguelez sul secondo palo un cioccolatino che per il catalano diventa un gioco da ragazzi mettere alle spalle di Corona. Sale in cattedra Matias Bridge che  tiene in partita la sua squadra , con il portiere argentino che è miracoloso su Illuzzi e poi si esalta sul tiro diretto del decimo  anticipando con la stecca il connazionale  Olmos. Il Sandrigo in campo aperto ha due grosse chance per pareggiare i conti ma Corona sbarra la strada prima a Moyano e poi a  Brendolin. Bridge si esalta ancora su Garcia. Poi all’ 11’,19” una combinazione Illuzzi – Borsi – Olmos mette l’argentino in condizione di battere a rete indisturbato  per il 4-2.  Sandrigo che attacca a testa bassa concedendo spazio alle ripartenze  liguri: Olmos colpisce una traversa dal limite dell’area con una magia. Sandrigo che produce un grande sforzo per rientrare in partita ma l’occasione più grossa capita ad  Illuzzi  a  cinque minuti dal suono della sirena finale quando spara  alto un rigore concesso per un fallo su Olmos in area. L’ultimo minuto il pubblico del Vecchio Mercato è tutto in piedi ad accompagnare i suoi eroi al suono della sirena e poi decreta il giusto tributo alla squadra di Paolo De Rinaldis che batte 4 a 2 il Sandrigo.  Nel prossimo turno di Mercoledì 25 Ottobre i rossoneri saranno impegnati in casa contro il Grosseto.

18/06/2024 - riproduzione riservata