Hockey Sarzana

CARISPEZIA SARZANA MERAVIGLIOSO, BREGANZE SI ARRENDE.

Serata da delirio al Vecchio Mercato. Sfida emozionante, Carispezia Sarzana batte il favorito Breganze. La cinquina del super bomber Sergio Festa, la doppietta di Xavi Rubio, e le parate di Simone Corona (tra le quali due rigori e altrettante punizioni di prima), regalano a Sarzana una vittoria spettacolare 7 – 5 contro il fortissimo Breganze, che a differenza dei rossoneri fino a oggi aveva vinto le due gare precedenti. (nella foto di Francesco Dal Mut, Simone Corona si oppone al tiro di rigore di Platero).


CARISPEZIA HOCKEY SARZANA – FAIZANE’ LANARO BREGANZE  7 – 5  (2 – 1)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA : Corona (Bianchi), Rispogliati, De Rinaldis, Rubio (2), Deinite, Dolce, Festa (5), Borsi, Zeriali. Allenatore: Francesco Dolce.

FAIZANE’ LANARO BREGANZE : Sgaria (Mabilia), Costenaro, Platero (1), Dal Santo, Mattia Cocco (3), Filippo Compagno (1), Ambrosio, Cacau, Gimenez. Allenatore: Massimo Belligio.

Arbitri: Sig. Barbarisi (SA), Sig. Iuorio (SA) ausiliario Sig. Righetti (SP)

“Ho detto alla vigilia che non avrei firmato il pareggio per come vedevo i miei ragazzi e per la sete di rivincita che avevano dopo i quindici minuti di pazzia di sabato scorso contro il Thiene – commenta un presidente Maurizio Corona euforico a fine partita – solo un grande squadra e un grande gruppo è in grado di mettere sotto dei fuoriclasse come quelli del Breganze. Se giochiamo da Sarzana possiamo vincere con tutte.– continua Corona –  e non dobbiamo avere paura di nessuno, il nostro problema sono quei minuti dove invece stacchiamo la spina come accaduto contro il Thiene in casa, ma se noi invece rimaniamo concentrati, se giochiamo, se facciamo il nostro gioco, vi garantisco che ce la giochiamo con tutti e su questo concetto dobbiamo crederci tutti. Poi il Presidente lascia il microfono a due protagonisti della serata Sergio Festa e Simone Corona intervistati da Alessandro Grasso Peroni si stasera avevamo una grandissima voglia ci volevamo misurare con una squadra sulla carta molto più forte di noi – dice il bomber Sergio Festa – una squadra che deve giocare per le prime posizioni, per vincere lo scudetto. Per noi era un test importantissimo è chiaro che la sconfitta di Bassano, il pareggio contro il Thiene in casa ci ha dato una scossa, come dice il presidente non siamo fenomeni ma non siamo neppure dei brocchi. Abbiamo fatto degli errori  – conclude Sergio – errori che a inizio anno ci possono stare ma penso che quello che contraddistingue è che nel momento in cui subiamo delle batoste sappiamo sempre rialzarci e questa è la cosa più importante non buttarsi giù e saper reagire, tutto questo è un buon viatico per andare a Valdagno e dare battaglia sabato prossimo. Simone Corona parla della sua vocazione sui tiri diretti e dice tanto allenamento durante la settimana, ho degli specialisti incredibili in squadra, quindi pararli a loro vuol dire essere pronti per pararli agli avversari. Tre tiri liberi e due rigori parati, sono felice, questo è il mio mestiere, poi mi esalto quando paro queste cose, devo migliorare nelle azioni di gioco, ma sono veramente felice. Non so se il Carispezia è questo o quello che pareggia contro il Thiene – conclude il portiere rossonero – di una cosa sono certo che il Carispezia è una squadra un pò matta. Noi dobbiamo essere consapevoli che quest’anno siamo una squadra più forte di quella dello scorso anno, quindi non dobbiamo porre limiti alla nostra cavalcata. Sarzana stratosferico. Dopo l’impasse con il Thiene la squadra rossonera si propone alla grande disputando una gara memorabile contro una squadra che viene indicata nei pronostici come una pretendente allo scudetto. I rossoneri liguri hanno ribattuto colpo su colpo il quintetto di Belligio proponendo un gioco veloce, preciso finalizzato a mettere sempre un giocatore davati a Sgaria. La differenza l’hanno fatta i tiri liberi (rigori e punizioni di prima). I rossoneri li hanno realizzati tutti, il Breganze, invece, ha trovato un Corona insuperabile. Una vittoria del coraggio di osare, di non farsi mettere in soggezione dai veneti. Dodici reti, una girandola di occasioni incredibili. Carispezia ha fatto vedere quanto vale. E se Festa e Rubio nei tiri liberi si sono dimostrati dei ‘cecchini’ la squadra ha lottato come non mai. Poi la bravura di Corona che ha letteralmente chiuso la porta nelle situazioni topiche dell’incontro dando coraggio ai compagni che l’hanno ripagato con una prestazione altrettanto puntuale. Ad un primo tempo con tre sole realizzazioni, chiuso sul 2 a 1 in favore dei sarzanesi, ha fatto riscontro una ripresa letteralmente pirotecnica. Ben nove le reti siglate dalle due squadre in una girandola vorticosa. Mattatori in casa rossoneri Sergio Festa con cinque gol e Rubio che si è dimostrato tiratore infallibile dal dischetto. Sul fronte opposto si è visto un Cocco indomito, autore della tripletta che ha tenuto a galla i veneti. Veniamo alla cronaca della partita: nell’ Hockey Breganze l’allenatore Massimo Belligio schiera nello starting-five Sgaria a difesa della porta, Platero, Cocco, Gimenez e Cacau a disposizione in panchina Ambrosio, Dal Santo, Filippo Compagno, Costenaro e il secondo portiere Mabilia. Dolce risponde con il quintetto base Corona, Rubio, De Rinaldis, Borsi, Festa. Per la cronaca  gara perfetta  dei rossoneri che giocano alla pari dei più quotati avversari. Al 7’ e 22” rossoneri in vantaggio su tiro di rigore trasformato da Xavi Rubio concesso per un fallo di Gimenez su De Rinaldis lanciato a rete. Ma la risposta del Breganze è immediata e al 9’ e 17” il capitano veneto Mattia Cocco dalla destra della pista si infila in area e batte Corona con un tiro rasoterra. Ghiotta occasione per il Breganze all’ 11’ ,50” quando Gimenez subisce fallo in area da Deinite. Il direttore di gara Iuorio concede un tiro di rigore, ma Corona inizia il suo show personale e para la battuta di Cocco. Al 21’ rossoneri in vantaggio, decimo fallo commesso dalla formazione di Belligio e conseguente tiro di prima per la formazione di casa. Si incarica della battuta Festa che mette sdraiato Sgaria e deposita la palla in rete. Al 21’,44” Borsi colpisce Dal Santo e l’arbitro lo punisce con un cartellino blu, con conseguente  tiro di prima per la formazione del Breganze, si incarica della battuta Gimenez ma Corona dice ancora di no, per poi esaltarsi nel successivo power play e il suono della sirena manda le squadre al riposo con il risultato di 2 a 1 a favore della formazione di Francesco Dolce. Nel secondo tempo dopo 2’ e 28”, Cocco colpisce un palo con una conclusione dalla grande distanza. Passano venti secondi e al 27’ e 48” Festa trova la terze rete mettendo in rete un pregevole assist di Rubio. Ma Il Breganze accorcia subito le distanze con Platero al 29’ con una conclusione da fuori area. Ma la premiata ditta Rubio-Festa riporta ancora Sarzana sul doppio vantaggio, lo spagnolo serve palla  al limite dell’ area a Festa che si gira su se stesso e lascia partire una conclusione che fulmina Sgaria. Ma il capitano Mattia Cocco  si carica sulle spalle la squadra di Belligio e con un fantastico gol riporta in partita la formazione vicentina. Al 30’,46” rigore per il Sarzana per un fallo di Platero su Festa lanciato a rete, si incarica della battuta Xavi Rubio che fulmina Sgaria e porta il parziale sul 5 a 3 a favore degli uomini di Dolce. Passano neppure due minuti che il Sarzana si porta a + 3, quindicesimo fallo della formazione Breganzese e  tiro di prima affidato a Sergio Festa che sdraia ancora Sgaria e deposita la palla in rte. Poco dopo ghiotta occasione per la formazione veneta. Borsi atterra Dal Santo lanciato a rete e viene punito con il tiro di rigore, si incarica della battuta Platero ma Corona si esalta e para. Capita Cocco con una volee sotto porta al 40’ e 28” riporta sotto la formazione di Belligio. Poco dopo Dal Santo è ingenuo e commette un fallo punito con tiro diretto senza cartellino blu. Ancora Festa alla battuta e il materano delizia il pubblico con pregevole alza e schiaccia che porta il Sarzana sul punteggio di 7 a 4. Al 47’ e 53” decimo fallo Sarzana e tiro libero Breganze affidato a Cacau, ma Corona para la conclusione del Brasiliano. Al 48’,06” pasticcio difensivo con Cacau che deposita la sfera in rete. A un minuto dalla fine il Breganze potrebbe tornare a meno uno, Rubio aggancia Dal Santo cartellino blu per lo spagnolo e tiro diretto affidato a Cocco ma Corona è superlativo para la conclusione e la respinta, togliendosi così lo sfizio di aver parato tutti e cinque i tiri diretti concessi alla formazione di Belligio. Negli ultimi secondi il pubblico del Vecchio Mercato è  tutto in piedi ad accompagnare i suoi eroi al suono della sirena e poi decreta il giusto tributo alla squadra di Francesco Dolce che è ritornata a compiere una grande impresa al Polivalente. Un successo prezioso per i rossoneri che trovano la prima vittoria stagionale. Una prestazione diversissima rispetto a quella della settimana prima contro il Thiene. Il vero Sarzana è sicuramente questo e, se i rossoneri sapranno affrontare con questa determinazione gli avversari, qualsiasi traguardo sarà possibile. Prossimo appuntamento Sabato 28 Ottobre al Palalido di Valdagno alle ore 20,45 contro il Valdagno.

09/12/2022 - riproduzione riservata