Hockey Sarzana

ARRIVA IL BREGANZE AL POLIVALENTE E NON E’ UNA GARA SCONTATA IN PARTENZA.

Arriva il fanalino di coda al Centro Polivalente di Sarzana, i rossoneri si dovranno confrontare col Lanaro Breganze per non perdere il quarto posto assoluto, ad inizio anno un risultato che in pochissimi si aspettavano. La formazione del Presidente Volpe ha disputato una prima parte di campionato sotto le aspettative che la vede al momento ultima in classifica con 1 punto.  “Non giudichiamo un libro dalla copertina – dice il Presidente Corona – il Breganze è una squadra con elementi esperti e giovani molto interessanti, dopo il cambio di panchina, Enrico Gonzo ha dato alla squadra quello spirito di appartenenza che sono fondamentali in un gruppo,  ha giocato ottime partite , perdendone alcune solo nel finale, il solo punto in classifica non è lo specchio del loro valore, noi dovremo cercare di controllarli e finalizzare le occasioni che riusciremo a creare se non vogliamo complicarci la vita”.  La gara si presenta molto importante per la formazione di Alessandro Bertolucci, un vero esame di maturità, dopo le due ottime prestazioni nelle trasferte di Lodi e Valdagno, in quanto con una vittoria Borsi e soci si confermerebbero prepotentemente nella parte alta della classifica. I rossoneri si presentano all’appuntamento, lasciando Elia Petrocchi alla formazione di serie A2 in trasferta a Castiglione e convocando per l’occasione Lorenzo Angeletti, classe 2006, uno dei giovani più promettenti della cantera rossonera (nella foto di Roberta Mirabile, l’esultanza di Alvaro Osorio, dopo il gol segnato contro il Lodi)


Non giudichiamo un libro dalla copertina – dice il Presidente Maurizio Corona parlando della gara contro il Breganze – Sono proprio queste partite in cui dobbiamo tenere un basso profilo e stare al pezzo se vogliamo a fine regular season scrivere un pezzo di storia indelebile. Se il nostro obiettivo è ora diventato il sesto posto, per raggiungerlo dobbiamo continuare a lottare in pista su ogni pallina, quello che abbiamo fatto nelle partite di Lodi e Valdagno, e non conta se l’avversario di sabato si chiama Breganze, la partita contro il Breganze la dobbiamo affrontare come se a Sarzana arrivasse il Barcellona, dobbiamo essere cattivi, dobbiamo giocare da Sarzana. Poi il Presidente ritorna a parlare dei suoi ragazzi  Questo è un gruppo fantastico, non ci sono limiti quando ci sono il cuore e la testa. Per filosofia non faccio mai proclami, ragiono per traguardi ed obiettivi senza voli pindarici ma appoggiandomi alla consapevolezza di ciò che siamo ed al fantastico lavoro in pista del nostro mister Alessandro BertolucciIl Breganze è una squadra con elementi esperti e giovani molto interessanti, dopo il cambio di panchina, Enrico Gonzo ha dato alla squadra quello spirito di appartenenza che sono fondamentali in un gruppo,  ha giocato ottime partite , perdendone alcune solo nel finale, il solo punto in classifica non è lo specchio del loro valore, noi dovremo cercare di controllarli e finalizzare le occasioni che riusciremo a creare se non vogliamo complicarci la vita.  Noi, quindi, – conclude Corona –dobbiamo affrontarli con lo stesso spirito e la stessa intensità di come ci siamo posti di fronte alle formazioni più quotate”.  La gara si presenta molto importante per la formazione di Alessandro Bertolucci, un vero esame di maturità, dopo le due ottime prestazioni nelle trasferte di Lodi e Valdagno, in quanto con una vittoria Borsi e soci si confermerebbero prepotentemente nella parte alta della classifica. I rossoneri si presenteranno all’appuntamento al gran completo, lasciando Elia Petrocchi alla formazione di serie A2 in trasferta a Castiglione e convocando per l’occasione Lorenzo Angeletti, classe 2006, uno dei giovani più promettenti della cantera rossonera. Ma andiamo a presentare la formazione vicentina. Il Breganze è ultimo in classifica con un solo punto conquistato con il Correggio dove ha visto sfuggirgli la vittoria all’ ultimo secondo. Rispetto alla squadra dell’andata al posto del catalano Sergi Punset sulla panchina dei rossoneri vicentini siede Enrico Gonzo, Breganzese doc, tecnico molto preparato che ha mietuto successi nel settore giovanile della società del Presidente Volpe e che ha accettato una sfida non semplice nel provare a salvarsi con una squadra priva di stelle e con tanti giovani. Una rivoluzione in casa rossonera per la nuova stagione, sposando l’idea di una squadra quasi completamente di talenti nati nel florido vivaio locale che proprio Enrico Gonzo conosce a menadito. Il tecnico appena rientrato ha recuperato Filippo Compagno, fratello di Checco Compagno giocatore del Lodi, un giocatore che ha subito da esperienza alla compagine gli altri giocatori della rosa sono  ed i breganzesi Silvio Costenaro (1987) e Andrea Dalla Valle (2000). In difesa ritornano i difensori Stefano Dal Santo (1993) e Mattia Ghirardello (1992) dalle esperienze di Trissino e Montebello. L’unico straniero sarà il catalano Pol Gallifa, 1997 ex Voltregà. Tra i pali “prima” anche per il sandricense Andrea Bigarella (1994), anch’egli all’esordio come titolare in A1. Ritorna anche Guido Sgaria (1999, ex Roller Bassano fratello del portiere Bruno al Valdagno), e vengono promossi in prima squadra Pietro Battaglin (2002) e Pietro Agostini (2003), già esordienti nella scorsa stagione. il secondo portiere Marco Zanfi (2001)  L’obiettivo di inizio stagione era salvarsi e creare delle basi per un nuovo corso duraturo tra le colline vicentine e con i play out è ancora un obiettivo possibile. I precedenti tra Lanaro Breganze e Credit Agricole Hockey Sarzana sono ventitre e riguardano le dodici stagioni in serie A1, con quattordici vittorie da parte dei rossoneri breganzesi, sei  vittorie per i sarzanesi e tre pareggi. E poi c’è il precedente più importante e prestigioso, la finale di Coppa Italia 2019 con la vittoria dei Veneti con il punteggio di 3 a 2. Il bilancio a Sarzana: 7 vittorie Sarzana, 3 pareggi, 2 vittoria del Breganze. Il Sarzana col pareggio a Valdagno 3-3, è uscito indenne dal PalaLido, mantenendo in questo torneo un buon rendimento nelle trasferte venete, in 5 gare giocate fino ad ora il bilancio è di 2 vittorie, Trissino e Breganze, 2 pari Montebello e Valdagno e l’unico neo la debacle a Sandrigo. Col punto guadagnato a Valdagno la squadra di Bertolucci ha chiuso l’andata con 29 punti, record storico, stracciando il precedente di 23 del 2018-19 e 2013-14. Ma c’è da annotare un altro dato, i rossoneri col quarto posto al termine dell’andata hanno eguagliato il record della stagione 2018-19, con Alessandro Bertolucci per la prima volta sulla tolda di comando del Sarzana. Il match si giocherà  Sabato 30 gennaio 2021 – ore 20:45PalaTerzi di Sarzana (SP)

CREDIT AGRICOLE SARZANA – LANARO BREGANZE
Arbitro: Filippo Fronte di Novara e Marco Rondina di Vercelli
DIRETTA FISRTV http://bit.ly/hpserieA1-sarxbre – Commento di Alessandro Grasso Peroni

03/12/2022 - riproduzione riservata