Hockey Sarzana

A FOLLONICA CAPORETTO PER L’HOCKEY SARZANA.

Gamma Innovation Sarzana alza bandiera bianca a Follonica, battuto pesantemente per 7 a 1 dai maremmani allenati da Sergio Silva. I rossoneri hanno difettato molto nella fase difensiva, chiave di volta del match. Del poker realizzata dal Follonica nella prima frazione di gioco ben tre marcature sono arrivate da azione di contropiede in superiorità numerica con due uomini, in pratica, soli davanti all’estremo difensore Corona. Ottima la prestazione della squadra maremmana contro un Sarzana, che, visto in pista ieri sera, è solo una brutta copia di quello visto in questo inizio di stagione. “Chi lotta può perdere chi non lotta ha già perso” sono le prime parole del Presidente Maurizio Corona al termine della gara che cita niente meno che Ernesto Che Guevara. “Ripartiamo senza alibi, scusandoci con i ragazzi della curva che sono venuti a Follonica e non hanno mai smesso di cantare per noi. Ora più che mai profilo basso e al pezzo, arriva il Vercelli al Vecchio Mercato prima della lunga sosta, giochiamo da Sarzana e tireremo le somme a fine partita.” (nella foto Jeronimo Garcia dopo la rete segnata).


IMPREDIL FOLLONICA – GAMMA INNOVATION SARZANA 7 – 1  (4 – 1)

IMPREDIL FOLLONICA : Barozzi (Irace), Federico Pagnini (C), Montigel, Davide Banini, Marco Pagnini – Francesco Banini , Llobet, Bonarelli, Cabiddu.-  Allenatore: Sergio Silva. 

GAMMA INNOVATION H. SARZANA: Corona, Borsi (C), Garcia J, Ortiz, Festa – Alonso, De Rinaldis, Perroni, Rispogliati, Bianchi – Allenatore: Paolo De Rinaldis

Marcatori: 1t:0’46’’ Davide Banini (F), 4’06’’ Davide Banini (F), 17’58’’ Garcia (S), 22’24’’ Bonarelli (F) e 23’53’’ Montigel (F) – 2t: 1’36’’ Francesco Banini (F), 7’20’’ Marco Pagnini (F), 8’07’’ Davide Banini (F) (t.d.)

Espulsioni: 1t: 11’33” Francesco Banini (F), 18’28” Bruno Alonso (S), 23’53” Facundo Ortiz (S) – 2t: 8’07” Festa  (S)

 Arbitri: Francesco Stallone di Giovinazzo (BA), Vincenzo Marinelli di Giovinazzo (BA).

Gamma Innovation Sarzana alza bandiera bianca a Follonica, battuto pesantemente per 7 a 1 dai maremmani allenati da Sergio Silva. I rossoneri hanno difettato molto nella fase difensiva, chiave di volta del match. Del poker realizzata dal Follonica nella prima frazione di gioco ben tre marcature sono arrivate da azione di contropiede in superiorità numerica con due uomini, in pratica, soli davanti all’estremo difensore Corona. Ottima la prestazione della squadra maremmana contro un Sarzana, che, visto in pista ieri sera, è solo una brutta copia di quello visto in questo inizio di stagione. “Chi lotta può perdere chi non lotta ha già perso” sono le prime parole del Presidente Maurizio Corona al termine della gara che cita niente meno che Ernesto Che Guevara. “Ripartiamo senza alibi, scusandoci con i ragazzi della curva che sono venuti a Follonica e non hanno mai smesso di cantare per noi. Ora più che mai profilo basso e al pezzo, arriva il Vercelli al Vecchio Mercato prima della lunga sosta, giochiamo da Sarzana e tireremo le somme a fine partita.  E’ una sconfitta che può solamente servirci da lezione – continua il Presidente parlando della sua squadra – la partita di sabato deve farci riflettere, mettere i piedi per terra, in vista della serie di partite alla nostra portata che dopo la sosta ci condurranno sino a fine del girone d’andata. Una squadra cresce anche a forza di schiaffi. In tanti anni di hockey non mi ricordo di traguardi ottenuti senza passare attraverso qualche sonora sconfitta. Detto questo, occorre ammettere che abbiamo perso sonoramente certamente per nostro demerito ma anche per merito del Follonica che ha giocato molto bene. Ora però è inutile piangere, sabato ci aspetta una buona squadra come il Vercelli al Vecchio Mercato e poi inizieranno le partite sulla carta abbordabili – conclude Corona – guardiamo avanti, basso profilo e al pezzo, chiedo a tutti i tifosi di sostenere la squadra senza se e senza ma, ricordandosi che il nostro obiettivo era e rimane la conquista della salvezza”. Paolo De Rinaldis intervistato da Enrico Giovanelli a fine gara che gli ricorda che sul 2 a 1 a 6-7 minuti la partita era completamente riapertaSi è l’unico momento che forse siamo riusciti a riprendere un attimo in mano le redini, però devo dire che la vittoria del Follonica è assolutamente meritata abbiamo giocato sotto ritmo. Abbiamo fatto tantissimi errori soprattutto in fase difensiva che era stata un po’ la nostra caratteristica. Ora cercheremo di leccarci le nostre ferite, come è giusto, e torneremo a lavorare da lunedì per la prossima partita”. Poi il mister rossonero continua parlando della lunga sosta  che attende il campionato “Siamo tutti nelle stesse condizioni. Quindi da questo punto di vista, anche se è una cosa effettivamente molto strana, che non è mai capitata, tutti dobbiamo fare i conti con questa situazione. Ci sono gli World Games in Argentina da onorare e io fra l’altro colgo l’occasione per augurare alla nostra Nazionale di comportarsi bene al prossimo mondiale”.  Veniamo alla cronaca della partita: nell’ Impredil Follonica l’allenatore Sergio Silva schiera nello starting-five iniziale Barozzi  a difesa della porta, Federico Pagnini, Montigel, Davide Banini e Marco Pagnini a disposizione in panchina Llobet, Francesco Banini, Cabiddu, Bonarelli e il secondo portiere Irace. Paolo De Rinaldis risponde con il solito quintetto delle ultime gare: Corona, Borsi,  Garcia, tiz e Festa. E’ un primo tempo arrembante quello della formazione di casa anche se, dopo la rete di Garcia del momentaneo 2 a 1, i rossoneri sembravano essere rientrati in partita. Certo il Follonica al “Capannino’’ ha dimostrato di essere superiore ai rossoneri per quantità di azioni, tecnica e precisione nelle conclusioni a rete. Ma veniamo alla cronaca; passano appena 46 secondi e il  Follonica è  in vantaggio, ripartenza velocissima con Federico Pagnini che confeziona uno splendido assist a Davide Banini tutto solo a due passi da Corona che indisturbato mette la sfera in rete. Al 4’,06” raddoppio dei padroni di casa schema da dietro porta con Montigel che mette sulla stecca di un indisturbato Davide Banini la pallina del 2 a 0.  Sarzana si scuote e la gara segue un copione ben definito, Gamma Innovation che attacca in maniera scomposta e Follonica che ribatte in contropiede.  All’ 11’33” Francesco Banini finisce sotto le forche caudine arbitrali, cartellino blu che manda Facundo Ortiz alla battuta del tiro diretto. Barozzi risponde da campione e poi si esalta nel power play successivo. Al 17’,58” Jeronimo Garcia riduce le distanze con una bellissima rete. E’ il miglior momento del Sarzana ma un aggancio di Bruno Alonso a Marco Pagnini manda l’argentino in panca puniti e Davide Banini alla battuta del tiro diretto mette la sfera al lato di Corona che poi rimane imbattuto nel susseguente power play. Scampato il pericolo, il Sarzana riprova a tessere le trame della gara ma una grave disattenzione in fase difensiva riporta i padroni di casa sul doppio vantaggio quando al 23’,53” Oscar Bonarelli viene lasciato completamente libero davanti a Corona, Francesco Banini serve un assist al bacio  e per l’attaccante maremmano è un gioco da ragazzi mettere la sfera alle spalle di Corona. Sarzana scosso e Facundo Ortiz completa la frittata, facendo un’entrata scomposta su Francesco Banini che gli costa il cartellino blu e manda il Follonica alla battuta del tiro diretto  a  poco più di un minuto dalla fine. La battuta di Francesco Banini è parata da Corona con l’aiuto del palo, ma Montigel si avventa sulla pallina e duetta con Francesco Banini che gli serve un cioccolatino che il giocatore argentino mette in rete e porta i padroni di casa al riposo con il punteggio di 4 a 1. Nel secondo tempo non c’è mai stata partita. Il Follonica ha controllato i rossoneri che sono parsi sprecisi e con poca voglia di incidere sulla gara. Passano un 1’ e 36” e una palla persa in ripartenza dalla retroguardia rossonera mette Marco Pagnini e Davide Banini davanti a Corona, i due attaccanti si scambiano indisturbati la sfera e Davide Banini la deposita alle spalle di Corona per la rete del 5 a 1. Al 7’,20” sesta rete dei padroni di casa percussione di Francesco Banini che serve Marco Pagnini dentro l’area che di prima intenzione mette la sfera alle spalle di  Corona. Rossoneri allo sbando e Sergio Festa finisce in panca puniti per un aggancio su Cabiddu all’ 8’,07”. Va alla battuta della punizione Davide Banini che fa secco Corona e porta a tre reti il suo bottino personale della serata. In pratica la partita finisce qui e sulla gara scorrono i titoli di coda. C’è ancora il tempo per il tiro diretto del decimo fallo commesso dai sarzanesi che  Corona a 4’,45” dal termine para a Llobet. Il Gamma Innovation Sarzana è atteso sabato 15 Ottobre al Vecchio Mercato alle ore 20,45 contro l’Engas Vercelli.

 

02/12/2022 - riproduzione riservata